I vantaggi della cucina a vapore

Categorie Senza categoria

Tra i vari metodi di cottura, la cottura a vapore è la più salutare. Chi sta attento alla linea e alla propria salute avrà già largamente sperimentato questa tecnica che apporta innumerevoli vantaggi. Sebbene sia una cosa ben risaputa, non tutti conoscono nel dettaglio i motivi per cui questa procedura è da preferire sempre. La cottura a vapore, non solo preserva il cibo da inutili sprechi nutrizionali, ma apporta tantissimi altri vantaggi legati al consumo energetico e alle procedure di pulizia che avvengono normalmente dopo aver cucinato.

 

Generalmente quando un cibo viene immerso in olio o in acqua, buona parte delle sostanze nutritive vanno disperse. Proteine, sali minerali e carboidrati finiscono nell’acqua e nell’olio bollente, oppure letteralmente bruciate dall’alta temperatura. Prendendo d’esempio il riso, e la cottura tradizionale di questo, ricorderemo come buona parte dell’amido, altamente nutrizionale finisca all’interno dell’acqua di cottura. Questa una volta raffreddata finisce generalmente nelle tubature di scarico portando con sé tutto il buono del riso. Stessa cosa accade per le verdure, che una volta fatte “sbollentare” perdono quasi l’80% dei sali minerali e delle vitamine utili all’organismo.  All’interno delle vaporiere è possibile oggigiorno cucinare qualsiasi cosa, grazie all’energia emanata dal vapore. I cibi non vengono infatti immersi in nessun liquido ma anzi, lasciati ammorbidire dall’azione delicatissima del vapore che ne preserva interamente le componenti nutrizionali con un conseguente vantaggio ulteriore nel mantenimento del gusto e del sapore. 

 

Le vaporiere sono oggi strutturate in una maniera tale da consentire l’impilaggio di più cestelli e di conseguenza permettono di risparmiare spazio nella preparazione della cena o del pranzo. Grazie alla struttura piramidale, è possibile cucinare verdure, secondi e primi piatti sfruttando unicamente una vaporiera ed eventualmente più cestelli. Visitando questo sito, sarà possibile dare un’occhiata a quelli che sono i modelli e le varie possibilità presenti sul mercato sceltavaporiera.it 

Questa procedura culinaria  ha un notevole impatto su un altro genere di risparmio energetico: difatti non occorrerà più lavare tantissime padelle, tantomeno servirà utilizzare pentolame differente per i diversi tipi di pietanza da cucinare. E che dire del risparmio energetico? Per cucinare un filetto di pesce al vapore occorrono circa 15 minuti, e una volta spenta la fiamma, il vapore continua a svolgere la propria funzione di cottura sul cibo permettendoci di risparmiare gas inutilmente.